Amelia Earhart trasvola in aeroplano l’Oceano Atlantico

Archivio Storico Luce Timeline, di redazione, 18 Giugno 2018

Non sono molte le protagoniste femminili nell'archivio Luce, soprattutto negli anni del regime. Amelia Earhart è sicuramente una delle poche: è giovane, affascinante e soprattutto pilota aeroplani. Il volo piace, è una cosa nuova e nell'Italia fascista ha un fan accanito in Italo Balbo, uno dei quadrumviri della marcia su Roma e personaggio tra i più eminenti del regime.

Amelia Earhart parte da Boston. Sarà la prima donna ad attraversare l’Atlantico

Play
Partenza da Boston di Amelia Earhart
Slider

 

Quando l'aviatrice arriva in Europa dopo la transvolata nel giugno del 1932, oltre a quelli fotografici di cui qui sotto vediamo una selezione, le vengono dedicati sei servizi: la seguono mentre con Balbo visita la Roma, poi quando si reca a Parigi e ovviamente quando rientra trionfante a New York.

Nel 1935 sperimenta un nuovo tipo di paracadute e nell'aprile del 1937 il giornale Luce le dedica un servizio intitolato La più popolare aviatrice statunitense. Meno di tre mesi più tardi la stessa testata sarà costretta a ricordarla dopo che un tragico incidente, mentre provava a fare il giro del mondo, pose fine ai suoi giorni.

Amelia Earhart durante il suo soggiorno romano nel giugno del 1932

Arrow
Arrow
Full screenExit full screen
Amelia Earhart posa, con un mazzo di fiori tra le braccia, tra l'ambasciatore Garrett, la moglie Alice e Balbo, 1932
Slider
Amelia Earhart Anniversari aviazione transvolata oceanica
Translate »