L’attentato a Togliatti, l’Italia sull’orlo della guerra civile e il Tour de France

Archivio Storico Luce Timeline, di redazione, 13 luglio 2018

Il fatto: Le scorie lasciate da una campagna elettorale molto dura, che aveva visto il Fronte democratico Popolare fronteggiare e venire sconfitto dalla DC nelle prime elezioni politiche dell'Italia repubblicana, esplosero il 14 luglio del 1948 quando il segretario del Partito Comunista Palmiro Togliatti fu colpito da tre colpi di pistola mentre usciva da Montecitorio con la compagna Nilde Iotti. A sparare era stato Antonio Pallante, studente di giurisprudenza, fanatico anticomunista. L'Italia fu attraversata da manifestazioni di massa, con violenze diffuse e il paese si trovò in pochissimo tempo sull'orlo di una guerra civile.

All'interno del PCI si fronteggiarono due linee: una che voleva premere sull'accelleratore e creare i presupposti per una rivoluzione armata, che, visti anche i precedenti in Grecia, non poteva approdare a nulla di buono, e una volta alla moderazione, incarnata dallo stesso segretario del PCI, cha, dal letto di ospedale si rivolse alla popolazione, invitando tutti alla calma.

Fortunatamente prevalse questa seconda opzione. Si racconta che a pacificare definitivamente gli animi fu la vittoria di Gino Bartali al Tour de France, che mise d'accordo un po' tutti.

Image is not available
Eleziono 1948 Togliatti
parla a Napoli
Image is not available
18 aprile 1948
Italia alle urne
Image is not available
Imponenti manifestazioni
seguono l'attentato a Toogliatti
Image is not available
In Grecia si combatte
una cruenta guerra civile
Image is not available
Togliatti dall'ospedale
parla alla cittadinanza
Image is not available
Bartali vince il Tour
L'Italia si ricompatta

Arrow
Arrow

Slider

 

Il protagonista: Palmiro Togliatti compare più di cento volte nei cinegiornali dell'Archivio. Essendo il leader del maggiore partito di opposizione subisce anche qualche censura: in un repertorio Incom datato ottobre 1950, viene ripreso mentre accompagna a scuola con  Nilde Iotti la figlia Marisa Malgoli adottata qualche mese prima. Separato, una figlia dottiva, forse troppo per i tempi: nel montato del cinegiornale passato per i cinema dei tre non si trova traccia.

Al pari degli altri protagonisti della politica viene seguito in occasione di crisi di governo, di elezioni politiche e dei congressi di partito ma anche durante i periodi di vacanza.

Image is not available
Togliatti accompagna a scuola
Marisa Malagoli
Image is not available
Riaprono le scuole
ma senza Togliatti
Image is not available
Togliatti al Quirinale
durante una crisi di governo
Image is not available
L'ultimo congresso
del PCI di Togliatti
Image is not available
Togliatti in vacanza
in Val d'Aosta

Arrow
Arrow

Slider

 

Meno in occasioni mondane, che pur non disdegna, come i vernissage, soprattutto se a esporre è Renato Guttuso, pittore che ammira molto, o le prime di film come La steppa di Alberto Lattuada.

Alla sua morte, "l'uomo forse più amato e più odiato d'Italia", verrà omaggiato da diverse testate cinegiornalistiche.

Image is not available
Togliatti a una mostra di
Renato Guttuso a Roma
Image is not available
Togliatti alla prima del
film La steppa
Image is not available
I funerali di Togliatti nel servizio
di Cranache dal Mondo
Image is not available
I funerali di Togliatti nella
cronaca della Incom
Image is not available
I funerali di Togliatti nel servizio
del Caleidoscopio Ciac

Arrow
Arrow

Slider
Anniversari Antonio Pallante attentato Fronte Democratico Popolare Palmiro Togliatti Partito Comunista Italiano Politica Italiana
Translate »