21 agosto 1968, a Praga finisce la Primavera

Archivio Storico Luce Timeline, di redazione, 21 Agosto 2018

Nella notte tra il 20 e il 21 agosto del 1968 i carri armati sovietici entrano nella capitale cecoslovacca e mettono fine alla Primavera di Praga. Dodici anni dopo la sanguinosa repressione in Ungheria le truppe del patto di Varsavia soffocavano il tentativo compiuto da Alexander Dubceck di riformare dall’interno il regime comunista.

Il Socialismo dal volto umano, come venne chiamato, prevedeva il riconoscimento delle libertà politiche, culturali e sindacali, la separazione fra partito e governo, la parità fra le diverse componenti etniche del paese. I lavoratori vennero coinvolti nel processo di democratizzazione attraverso la creazione di nuovi strumenti di democrazia di base.

Le immagini della repressione sovietica a Praga

Image is not available
La primavera di
Praga
Image is not available
La repressione sovietica
dop l'invasione di Praga
Image is not available
Praga, i giorni
della Primavera
Image is not available
Il dissenso a Est:
Romania e Cecoslovacchia
Image is not available
Dopo Dubcek la primavera di
Praga è soltanto un ricordo
Image is not available
Un martire della Primavera.
I funerali di Jan Palach

Arrow
Arrow

Slider

 

In nessuna posizione ufficiale il partito Comunista Cecoslovacco aveva espresso la volontà di rompere l’unità del Patto di Varsavia. Anche per questo l’invasione fu accolta con sorpresa da una popolazione che aveva creduto di poter riformare dall’interno e dal basso un sistema che appariva ormai totalmente sclerotizzato e irriformabile.

Dopo l’invasione seguì un periodo di "normalizzazione". A Dubcek subentrò Gustav Husak che in breve tempo annullò tutte le riforme del suo predecessore. Non mancarono casi di protesta, il più eclatante dei quali fu il suicidio del giovane studente Jan Palach, che il 16 gennaio 1969 si diede fuoco in piazza San Venceslao.

Dopo il crollo del muro di Berlino Alexander Dubcek ebbe la sua rivincita: fu riabilitato ed eletto presidente del Parlamento federale cecoslovacco. Morì poco dopo in seguito ad un incidente stradale.

Da Budapest a Praga. Le speranze suscitate dalla Primavera, non dimenticando l’Ungheria del 1956

Anniversari Cecoslovacchia Invasione sovietica Primavera di Praga
Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
Translate »