La liberazione di Mussolini

Archivio Storico Luce Timeline, di redazione, 12 settembre 2018

Nelle prime ore del 12 settembre 1943 ha inizio l'operazione che si concluderà, qualche ora più tardi, con la liberazione, da parte di un gruppo di paracadutisti tedeschi, di Mussolini, prigioniero a Campo Imperatore sul Gran Sasso. Il duce verrà portato a Pratica di Mare da dove volerà alla volta di Vienna prima e poi di Monaco. Il 14 settembre, prima di far rientro in patria, Mussolini incontra Hitler a Rastenburg.

Tutta l'operazione e il successivo incontro con il fuhrer vennero ripresi dagli operatori UFA al seguito delle truppe germaniche impegnate in Italia dopo l’8 settembre 1943. In un secondo momento il girato venne montato e accompagnato da un commento sonoro.

Al termine della riunione del Gran Consiglio del Fascismo che nella notte tra il 24 e il 25 luglio ne decreta la destituzione, Mussolini venne arrestato. Dopo esser passato per le isole di Ponza e della Maddalena, fu portato sul Gran Sasso il 27 agosto.

Progettata e preparata in Germania da tempo, la liberazione di Mussolini subisce una brusca accellerazione dopo l'8 settembre, quando viene annunciato l'armistizio raggiunto tra l'Italia e le forze alleate.

L'operazione Quercia, così passata alla storia, sarebbe dovuta scattare già quando il deposto dittatore era in Sardegna. Il suo repentino spostamento la fece slittare di un paio di settimane.

Soltanto nove giorni dopo l'incontro con Hitler, il 23 settembre, nasceva La Repubblica Sociale Italiana, uno stato voluto fortemente dalla Germania con il fine di controllare quella porzione di territorio italiano ancora sotto il gioco nazista.

La liberazione di Mussolini ripresa dagli operatori tedeschi dell’UFA

Play

 

Dopo la sua destituzione Mussolini era scomparso dai Cinegiornali Luce, che erano continuati ad uscire sotto il controllo del nuovo governo Badoglio. L'ultima apparizione era datata 17 aprile 1943 e raccontava dell'incontro con Hitler avvenuto nel castello di Klessheim in Austria. Ricompare quasi un anno dopo, nel marzo del 1944, quando riceve le credenziali dell'ambasciatore del Giappone. Ma evidentemente non è più il leader vincente da mostrare in ognio occasione e infatti anche nei mesi successivi comparirà in soli altri nove Cinegiornali del Luce. Più numerosi saranno invece i servizi fotografici.

Adolf Hitler Benito Mussolini Campo Imperatore Fascismo Gran Sasso La germania nazista Liberazione di Mussolini
Translate »