Settembre, si torna a scuola

Attualità, di redazione, 13 settembre 2018

È una tradizione che iniziata negli anni trenta persiste ancora oggi: i mezzi di informazione quando ricominciano le scuole dedicano all'evento diversi servizi. Una volta erano i cinegiornali, oggi i telegiornali.

Non è ovviamente l'unica differenza: fino agli anni ottanta le scuole iniziavano a ottobre, ora a metà settembre gli studenti sono già tutti in aula.

Il primo servizio presente in archivio è del 1935. Il tono è quello pomposo tipico dell'epoca: "Centomila bimbi dell'urbe hanno iniziato le scuole con schietto e disciplinato entusiasmo", ci comunica lo speaker del Giornale Luce.

Stessa enfasi e figli illustri nel servizio del 1937, dove vediamo sui banchi di scuola i figli piccoli Galeazzo Ciano e Giuseppe Bottai.

Molto interessante il cinegiornale del novembre 1943. È cambiato tutto, la guerra divampa, Mussolini è caduto e risorto con la Repubblica Sociale Italiana. La riapertura delle scuole è annuciata come sintomo che invece le cose sono tornate alla normalità: "Si riaprono le scuole. Nessun segno più chiaro e più gradito di questo che la vita ha ripreso la sua piena normalità" prova a tranquillizzare il Giornale Luce.

Inizi di anno scolastico dagli anni trenta agli anni settanta

Image is not available
Inizio dell'anno
scolastico 1935
Image is not available
Tutto è pronto per il nuovo
anno scolastico
Image is not available
Secondo anno di guerra
riaprono lo scuole
Image is not available
Gli edifici occupati complicano
l'inizio dell'anno scolastico
Image is not available
Giovani attori e bambini
prodigio tornano a scuola
Image is not available
Riapromo le scuole e
i mercati dei libri usati
Arrow
Arrow
Slider

 

Per trovare un nuovo servizio sul ritorno a scuola dobbiamo aspettare il 1948 e la situazione è ancora drammaticamente segnata dalla guerra da poco conclusa. La Settimana Incom ci annuncia che molti edifici sono ancora occupati dagli sfollati.

Un Caleidoscopio Ciac del 1960 mette l'accento su un problema che si ripete annualmente in concomitanza con la riapertuta delle scuole, quello dell'acquisto dei libri di testo.

Decisamente più critico il Sette G del 1974 che insiste molto sui problemi della scuola in Italia causati essenzialmente dall'aumento della popolazione, dai costi elevati e dalla cronica mancanza di edifici ed aule.

Ottobre 1954, davanti al liceo Mamiani di Roma il tradizionale mercatino di libri usati

Arrow
Arrow
Alcuni studenti accovacciati osservano dei libri
Full screenExit full screen
Slider

Primo giorno di scuola del 1942 in alcuni istituti romani

Inizia anno scolastico al Tasso di Roma

 

Una donna esce dalla scuola Di Donato con i figli dopo il primo giorno di lezioni

 

Alunni nel cortile nel primo giorno di scuola alla Mario Guglielmotti

 

Gli alunni della scuola Di Donato, radunati nel cortile per la cerimonia d’inizio dell’anno scolastico, fanno il saluto fascista rivolti verso il palco delle autorità

 

anno scolastico scuola studenti
Translate »