Alberto Sordi, storia di un italiano

Archivio Storico Luce Timeline, di redazione, 15 Giugno 2020

Il 2020 è anno di centenari: a gennaio è stata la volta di Federico Fellini. Il 15 giugno ricordiamo il secolo di Alberto Sordi.

Ce lo siamo meritato Alberto Sordi, come si chiedeva polemicamente Nanni Moretti in Ecce Bombo nel 1978? Ognuno può rispondere come il suo gusto gli suggerisce, ma due fatti sono incontrovertibili. Il primo: Sordi, con i suoi film, ha rappresentato al meglio i vizi, le virtù i tic dell'italiano medio. Il secondo: Sordi è stato un grande attore, che ha saputo interpretare ruoli comici e ruoli drammatici risultando sempre credibile. Un amaricano a Roma e Un borghese piccolo piccolo esemplificano più di tante parole questa sua poliedricità.

In questi mesi avremmo dovuto visitare una mostra monumentale organizzata nella villa dove Sordi viveva. L'emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid 19 ha costretto gli organizzatori a rinviare a settembre l'inaugurazione della mostra, all'interno della quale sarà possibile ammirare una video installazione curata da Roland Sejko con materiale proveniente dall'Archivio storico dell'Istituto Luce.

Alberto Sordi tra gli anni Cinquanta e gli anni Ottanta: 38 fotografie

Arrow
Arrow
Alberto Sordi, con cappello country, colto a mezzo busto sorridente e gesticolante all'interno di uno scompartimento, 1955
Full screenExit full screen
Slider

L'esordio di Alberto Sordi sul grande schermo è del 1937 quando prende parte alle riprese di Scipione l'africano, il colossal di Carmine Gallone.

Prima della fine della guerra Sordi compare in più di quindici film ma il primo cinegiornale conservato in Archivio nel quale incontriamo l'attore romano è un Notiziario Nuova Luce del 1946 dove presenzia a una partita di calcio fra attrici e ballerine.

Seguiranno altri 270 servizi nel quali lo troviamo in molte situazioni legate al mondo del cinema: dai premi che riceve ai set dei film di cui è protagonista. Non mancano però situazioni particolari, come quando segue su un prato il Giro d'Italia o mentre si reca alle urne. Fino a uno degli ultimi servizi in cui lo vediamo a un evento di gala nel quale Andreotti festeggia i suoi 40 anni in politica.

Per trovare servizi più recenti dobbiamo cosnultare il fondo Canale, dove troviamo servizi relativi al film del 1988 Una botta di vita e l'arrivo di Sordi alla serata dei David di Donatello del 2001, ultima apparizione dell'attore nell'Archivio Luce.

Tantissimi anche i servizi fotografici, più di 400, che coprono un arco di tempo che va da metà degli anni Cinquanta fino ai primi anni Novanta.

Serena Dandini intervista Alberto Sordi in Costa Azzurra sul set del film Una botta di vita, 1988

Alberto Sordi Anniversari Cinema italiano
Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
Translate »