Repertorio Incom (1946-1965)

Il vasto e complesso materiale del repertorio Incom, racchiuso in migliaia di rulli, comprende tagli, doppi, scarti, girato parzialmente montato e non montato, relativi alla produzione cinegiornalistica e documentaristica - soprattutto degli anni Quaranta e Cinquanta - della celebre casa cinematografica di S. Pallavicini. Si incontrano sequenze mute di pochi minuti che trovano riscontro, soprattutto, nei servizi nazionali e internazionali di attualità montati nel settimanale Incom, riprese generiche di qualche secondo relative a vedute di città o a cieli nuvolosi, scene girate per vari documentari Incom, eccezionali casi di filmati provvisti di sonoro, spezzoni non montati scartati dal prodotto finale.
Durante il lavoro di catalogazione - ancora da completare -, che ha implicato l’individuazione dei servizi Incom di riferimento e un lavoro di identificazione di personaggi, luoghi e avvenimenti in assenza del montato corrispondente, sono state individuate sei tipologie di repertorio: 1) spezzoni privi di sonoro, successivamente montati, almeno in parte ne “La Settimana Incom”; 2) spezzoni sonori, successivamente selezionati e montati, almeno in parte, nel cinegiornale Incom; 3) spezzoni non montati di cui non è stata rinvenuta traccia nei cinegiornali e documentari Incom; 4) spezzoni non montati che si riferiscono a soggetti elencati nei cataloghi Incom; 5) spezzoni di produzione straniera, acquisiti dalla Pathé News o dalla Warner Pathé, parzialmente montati oppure non montati nel settimanale Incom. Indicazioni sommarie - tratte da rubriche manoscritte della Incom - hanno orientato in parte il lavoro di schedatura del repertorio.

REPERTORIO INCOM

2942 tagli

Translate »