Giulio Andreotti e il cinema

Archivio Storico Luce Timeline, di redazione, 13 Gennaio 2024

Nel 2014 l'Istituto Luce produce un documentario dal titolo Giulio Andreotti - Il cinema visto da vicino. A dirigerlo è Tatti Sanguineti che così racconta: "Registrammo con due telecamere 21 sedute in cui tutto era preciso, documentato, riscontrato, verificato. Se qualche pezza d’appoggio mancava, la si cercava per l’incontro successivo. Andreotti non pose limite a nessun tipo di domanda. La sola cosa che non avemmo il coraggio di chiedergli era di indossare un abito di scena che garantisse la “continuità”. Ce lo ritroviamo vestito con 21 abiti diversi".

In questa sintesi di 25 minuti Andreotti inizia parlando della sua prima esperienza come sottosegretario alla presidenza del consiglio dei ministri nel quarto governo De Gasperi, il primo dopo la rottura con PCI e PSI. E di come in questa veste iniziò a occuparsi di cultura e di cinema che, dice, "veniva a torto considerato un qualche cosa che apparteneva al vecchio regime, anche perché in quegli anni c'era una rivincita del cinema americano, perché per molti anni non erano venuti e nel dopoguerra c'era l'invasione di film americani".

Parla dei film che gli piacevano, di una visita guidata a Cinecittà con un gruppo di studenti durante la quale davanti a un muro su cui era scritto viva il comunismo, per fare gli spiritosi fecero tutti il saluto a pugno chiuso anche se "io non avevo nessunissima attitudine, né allora né poi, ad essere comunista".

Molto stretto è stato, soprattutto all'inizio della sua carriera, quando ricopriva la carica di sottosegretario di Alcide De Gasperi, il rapporto tra Giulio Andreotti e il cinema. Dalle innumerevoli partecipazioni alla Mostra del cinema di Venezia, alle visite a Cinecittà, alla partecipazione a prime di film e a premiazioni varie.

Ma non solo questo: secondo la figlia di Totò, Liliana de Curtis, nella scena di Totò a colori in cui l'attore si confronta con l'onorevole Trombetta, il comico si sarebbe ispirato proprio ad Andreotti.

Nel 1983 Alberto Sordi, suo grande amico, lo volle per un cameo ne Il tassinaro e nel 2008, con un film a lui dedicato, Il divo, Paolo Sorrentino vincerà il premio della giuria al Festival di Cannes.

Dalla fine della Seconda Guerra agli anni Novanta: Giulio Andreotti in 20 scatti

Andreotti, in piedi, in occasione deI Congresso nazionale della FNSI, tiene il suo intervento; seduti al tavolo Facchinetti e Foresi, 1948
Campilli, Andreotti e Colombo in piazza del Campidoglio per la firma dei trattati europei, 1957
Andreotti, con Franco Evangelisti, in piazza Montecitorio si intrattiene con un prelato, 1958
Giulio Andreotti ad una conferenza sulle Olimpiadi alla Sala Borromini, 1959
Giulio Andreotti parla all'inaugurazione della mostra dell'Artigianato, 1960
Tambroni, al Quirinale, stringe la mano ad Andreotti in occasione della presentazione dei nuovi ministri al Quirinale, 1960
Giulio Andreotti con la moglie Livia alla prima del film Viva l'Italia, 1961
Giulio Andreotti al premio Anziani del cinema, [1961]
Segni accompagnato da Andreotti passa in rassegna reparti della Marina e dell'Aviazione schierati a piazza Venezia, 1962
Giulio Andreotti durante un comizio a Roma, [1963]
Giulio Andreotti con Aldo Moro e Benigno Zaccagnini, [1977]
Il presidente della repubblica Sandro Pertini con Andreotti, Bonifacio ed altre personalità, [1979]
Giulio Andreotti con Vittorino Colombo, [1979]
Giulio Andreotti durante un'assemblea pubblica, anni '80
Giulio Andreotti con Giovanni Spadolini e Nilde Iotti durante una serata organizzata dalla RAI in occasione del centenario della morte di Giuseppe Garibaldi, 1982
Firma a Villa Madama del nuovo concordato tra Italia e Santa sede: il vescovo Agostino Casaroli, Bettino Craxi, Arnaldo Forlani e Giulio Andreotti, 1984
Giulio Andreotti con Michail Gorbacev, 1989
Giulio Andreotti mentre consegna un premio ad Alberto Sordi, anni Novanta
Giulio Andreotti alla presentazione del suo libro Il potere logora, 1990
Giulio Andreotti con Silvio Berlusconi, [1994]
Exit full screenEnter Full screen
previous arrow
next arrow
 
Anniversari cinema Giulio Andreotti politica Politica Italiana Prima repubblica
Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
Translate »