La Passione di Cristo a Sordevolo

Attualità, di redazione, 11 Aprile 2020

Risalente ai primi anni Venti del Novecento, quella che vediamo in apertura, è la rappresentazione della Passione di Cristo che ogni cinque anni va in scena a Sordevolo. Si tratta di uno spettacolo emozionante che coinvolge buona parte del paese e che attrae spettatori da tutto il mondo. Come leggiamo nel sito dedicato all'evento: "La Passione di Sordevolo è una forma rara di teatro corale popolare, una tradizione documentata a Sordevolo fin dal 1814, e tramandata ininterrottamente per due secoli di generazione in generazione".
Tradizione che continua negli anni. In archivio ce la raccontano un cinegiornale del 1978 e quello, qui di lato, del 1975, in un'edizione straordinaria in occasione dell'Anno Santo, da cui possiamo apprendere ulteriori interessanti informazioni: "I 1500 abitanti di Sordevolo sono tutti impegnati, anche economicamente mediante autotassazione, nella buona riuscita della rappresentazione, che tra l'altro richiede il costoso noleggio di armature, armi, costumi, cavalli, parrucche. Sarà opportuno precisare che molti protagonisti sono tali per diritto ereditario. Il personaggio si trasmette cioè di padre in figlio, in modo tale che il testo del copione diventa famigliare fin dalla nascita. La partecipazione attiva della popolazione a tutti i livelli non è improvvisata. Ci sono truccatori espertissimi, sarte in grado di confezionare costumi o adattare quelli noleggiati, scenografi per allestire il pretorio di Pilato, il sinedrio, la via Crucis, il Golgota. Occorre aggiungere, mentre si completano i preparativi per l'imminente rappresentazione, preceduta dal corteo di tutti i personaggi attraverso le vie del paese, che il testo è quello originale, salvo alcuni inserimenti intesi a sottolineare temi della problematica religiosa moderna e ad aggiornare il lessico per renderlo adeguato al linguaggio contemporaneo ... un testo cinquecentesco che nonostante gli aggiornamenti non ha perduto il pathos originale".

Tra sacro e profano, dagli anni Venti ai Cinquanta, la Pasqua nelle foto dell’Archivio

Arrow
Arrow
La tradizionale Via Crucis pasquale al Colosseo, 1928
Full screenExit full screen
Slider

Nell'Archivio è possibile vedere molti cinegiornali dedicati ai riti pasquali: le processioni, le cerimonie tradizionali, il papa a San Pietro con la benedizione urbi et orbi. C'è anche la Pasqua di altre religioni, come quella Copta o quella degli ortodossi di Piana degli albanesi.

Ma le tradizioni pasquali sono anche culinarie, ecco quindi le uova e la loro lavorazione.

La Pasqua si celebra in tutto il mondo, dagli Stati Uniti alla Germania, dalla Spagna a Gerusalemme.

La tradizione si perpetua, Sordevolo 1975

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
Translate »