12 dicembre 1969, una bomba esplode a Milano

Archivio Storico Luce Timeline, di redazione, 12 dicembre 2018

Alle 16:37 del 12 dicembre 1969 una bomba esplode nella sede della Banca Nazionale dell'Agricoltura di piazza Fontana a Milano. I morti furono 17 e i feriti 88.

Mai l'Italia aveva conosciuto, nel dopoguerra, un attentato terroristico così cruento. Fu la perdita dell'innocenza e l'inizio di quella che venne chiamata la strategia della tensione. Nel decennio successivo ci furono altri attentati: il 28 maggio 1974 una bomba esplode in piazza Della Loggia a Brescia nel corso di una manifestazione antifascista causando 8 morti e 94 feriti; il 4 agosto dello stesso anno un ordigno esplode sul treno Italicus, all'altezza di San Benedetto Val di Sambro causerà 12 morti e 105 feriti. E poi il 2 agosto 1980, la stazione di Bologna che con i suoi 85 morti e oltre 200 feriti segnerà il pumto più alto di crudeltà conosciuta dall'Italia repubblicana.

A Milano si gira il film Faccia da spia nel quale si ripercorre la vicenda giudiziaria di Pietro Valpreda in relazione alla strage di piazza Fontana

Banca nazionale dell'agricoltura Milano strage di piazza Fontana strategia della tensione Terrorismo
Translate »